News

Progetto «triage»: sviluppo di strumenti di accertamento e valutazione nell'ambito delle competenze di base

pubblicato il: 20.9.2021

La Conferenza intercantonale per la formazione continua CIFC ha lanciato un progetto volto a sviluppare strumenti di accertamento e valutazione nel campo delle competenze di base. La CIFC, in collaborazione con la Conferenza svizzera delle direttrici e dei direttori dell'orientamento professionale, universitario e di carriera (CDOPU), nonché con altri partner a livello nazionale, sta sviluppando una serie di strumenti collaudati per la valutazione delle competenze di base e delle competenze chiave degli adulti, al fine di promuovere l'assistenza alle persone con lacune nelle competenze di base da parte di centri di consulenza per la formazione professionale, gli studi e la carriera, i servizi sociali, gli uffici di collocamento regionali e i prestatari di formazione continua. Attualmente è in corso la prima fase del progetto, in cui vengono elaborati una panoramica degli strumenti esistenti e un'analisi dei bisogni specifici del gruppo target e dei centri di consulenza. Un mandato in tal senso è stato assegnato all'ufficio di valutazione Interface alla fine di maggio 2021. La prima fase dovrebbe essere completata entro la fine del 2021. La successiva seconda fase, che prevede lo sviluppo di strumenti concreti volti ad accertare e valutare le situazioni delle persone interessate, dovrebbe essere completata entro l'inizio del 2023.

Una nuova campagna «Semplicemente meglio!» per la promozione delle competenze di base

pubblicato il: 9.9.2021

Lo scopo principale della campagna nazionale per promuovere le competenze di base consiste nel motivare gli adulti che incontrano difficoltà nelle competenze di base a frequentare corsi di lettura, scrittura, aritmetica o informatica.  Contemporaneamente il pubblico deve essere informato sull'argomento. Quest'anno la campagna viene rilanciata. Il sito web meglio-adesso.ch così come tutti gli strumenti di comunicazione, saranno rivisti e appariranno in un nuovo look. La campagna è concepita per essere sia nazionale che regionale.  A livello nazionale è previsto l'utilizzo di strumenti e canali ad ampia diffusione (televisione, manifesti collocati nei mezzi di trasporto pubblico, portali online, etc.). In aggiunta, gli organi responsabili nazionali del progetto forniscono strumenti e materiali di marketing per l'uso gratuito sul sito web della campagna (meglio-adesso.ch/strumenti). Questi possono essere ottenuti dai partner locali, adattati e utilizzati a livello regionale sotto il marchio comune «Semplicemente meglio!». Il via ufficiale della campagna è settembre 2021.

Per maggiori informazioni

Canton Lucerna: dopo aver frequentato con successo un corso è possibile ottenere un secondo buono

pubblicato il: 12.8.2021

Nel settembre 2020, il canton Lucerna ha introdotto i buoni per la formazione al fine di promuovere le competenze di base tra gli adulti. La valutazione mostra che l'offerta volta a promuovere le competenze di base è apprezzata. Dalla sua introduzione, più di 500 buoni sono già stati consegnati. Pertanto, il sistema di voucher formativi continuerà e sarà ottimizzato nell'anno in corso. Ora è possibile ottenere un secondo buono nello stesso anno dopo aver completato con successo un corso. A partire da giugno 2021, gli interessati possono ottenere una consulenza personale sui corsi e sui buoni presso il Centro di consulenza e informazione "für Bildung und Beruf" (BIZ) di Lucerna . Chi desidera acquisire una formazione generale più completa o prepararsi per una qualifica professionale per adulti può inoltre frequentare gratuitamente il corso di competenze di base presso il Centro cantonale di formazione continua (WBZ) di Lucerna a partire da settembre.

Maggiori informazioni sull’offerta di corsi e per scaricare il buono per la formarmazione (in tedesco)

Il canton Zurigo approva il credito quadro per la promozione delle competenze di base

pubblicato il: 27.7.2021

A inizio primavera, il parlamento zurighese ha approvato un credito quadro di 7,4 milioni di franchi per la promozione delle competenze di base degli adulti per il periodo 2021-2024. La Confederazione contribuisce al programma con altri 7,4 milioni di franchi. Il programma consiste in tre livelli di promozione. Con le "Lernstuben" (salotti di apprendimento), vengono allestite offerte a bassa soglia dove le persone interessate possono trovare un sostegno. Come secondo passo, le competenze di base necessarie vengono insegnate nei corsi. Successivamente, i partecipanti al corso si preparano per ulteriori opportunità formative, come ad esempio una qualifica di livello secondario o professionale.

Maggiori informazioni dal canton Zurigo

Vai alla decisione del parlamento cantonale

Il Consiglio federale vuole rafforzare la partecipazione alla formazione continua degli adulti con competenze di base insufficienti

pubblicato il: 14.7.2021

Nonostante un alto livello di istruzione e un'elevata partecipazione alla formazione continua, esiste in Svizzera un certo margine di miglioramento per quanto riguarda sia le competenze di base degli adulti, sia la formazione professionale continua. Le persone con lacune nelle competenze di base fanno registrare una partecipazione più bassa alle offerte di formazione continua e si ritrovano più spesso disoccupate. Il 23 giugno 2021 il Consiglio federale ha quindi incaricato il il Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca (DEFR) di ottimizzare le condizioni quadro di partecipazione ai corsi di formazione per adulti e incoraggiare così l’iscrizione di coloro che presentano lacune nelle competenze di base. Ampliando il programma di promozione «Semplicemente meglio! …al lavoro» la Confederazione è al fianco delle imprese per aiutare i collaboratori ad affrontare le sfide sul posto di lavoro. Inoltre, in collaborazione con le associazioni professionali interessate, ha varato il programma pilota «Coaching formazione continua per le PMI». L’offerta di consulenza prevista permetterà alle piccole e medie imprese (PMI) di accertare le esigenze di formazione continua dei propri collaboratori.

Vai al relativo comunicato stampa del Consiglio federale

Austria/Germania: La relazione tra literacy e competenze digitali

pubblicato il: 12.4.2021

Klaus Buddeberg e Anke Grotlüschen analizzano nel loro studio (basato sui risultati dello studio LEO) il modo in cui le persone con bisogni formativi di base usano le tecnologie digitali e quali conseguenze ne derivano a livello pratico per la formazione di base. Gli autori considerano per es. i sistemi digitali di video e audio come possibili strumenti per l'inclusione digitale. I gruppi più deboli non vanno forzati all‘adeguamento sociale ma  dovrebbero piuttosto poter usufruire di offerte formative grazie alle quali sapranno esprimersi e farsi ascoltare.

Vai all‘articolo (in tedesco)

Il Canton Friborgo semplifica l'accesso ai dati amministrativi

pubblicato il: 10.4.2021

Nel Canton Friborgo il postulato sulla semplificazione dei testi, accettato dal Consiglio di Stato in aprile, è stato ampiamente accettato anche dal Gran Consiglio (87 voti su 96). Il postulato chiede di definire i testi che possono essere redatti in lingua facile così come l'emanazione di una legge o di un'ordinanza che stabilisca un quadro per l'uso della lingua facile. Il Canton Friborgo è quindi tra i pionieri per quanto riguarda la facilitazione dell'accesso alle informazioni amministrative pubbliche per le persone che si trovano in difficoltà con la parola scritta.

Per maggiori informazioni (in francese)

Strumenti digitali per la formazione online su Educa Navigator

pubblicato il: 8.4.2021

Soprattutto nel campo della formazione la digitalizzazione ha acquisito un'enorme importanza nell'ultimo anno. Non è sempre facile avere una visione d'insieme di tutte le offerte. L'applicazione web "Navigator" di Educa è una panoramica degli strumenti di lavoro, apprendimento, organizzazione, comunicazione e collaborazione che trovano impiego nel mondo della formazione in Svizzera. L'applicazione mira a sostenere i responsabili delle istituzioni di formazione nella selezione degli strumenti adatti.

Vai a Educa Navigator (in francese o tedesco)

Forum Competenze di base della Svizzera italiana

pubblicato il: 6.4.2021

“Forum Competenze di base: il 4 febbraio si è svolto l’incontro annuale che invita tutti gli interessati a riunirsi attorno al tavolo (virtuale, questa volta) per condividere le esperienze fatte nell’ambito delle competenze di base nella Svizzera italiana. Uno spazio particolare è stato dedicato alle nuove direttive cantonali per il quadriennio 2021-2024 e alle pratiche digitali.

Per maggiori informazioni

Nuova piattaforma web «Semplicemente meglio!....al lavoro»

pubblicato il: 23.3.2021

La Confederazione, i cantoni e le organizzazioni del mondo del lavoro promuovono congiuntamente le competenze di base dei lavoratori nel quadro del programma di promozione «Semplicemente meglio!...al lavoro». Per le persone con difficoltà nelle competenze di base, le situazioni di lavoro quotidiane, come per esempio capire le istruzioni di un nuovo macchinario, leggere e scrivere rapporti o usare il computer, possono diventare una vera e propria sfida. Dal 2018 le aziende possono quindi fare domanda di sostegno finanziario per una formazione interna su misura, sia al Governo federale che al proprio Cantone. Il Consiglio federale ha ora deciso di proseguire con il programma di promozione, adattando anche i criteri necessari per avviare la procedura di domanda. Il sito web appena lanciato, che serve come piattaforma informativa sull'argomento, illustra nel dettaglio quali sono le possibilità di sostegno, come possono essere sviluppati i rispettivi corsi di formazione e quali sono le esperienze delle aziende che li hanno già sperimentati:

www.meglio-adesso.ch/aziende

Comunicato stampa «Semplicemente meglio!... al lavoro»: la Confederazione porta avanti il programma di promozione, Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca DEFR

Germania: Disuguaglianza digitale nella società della conoscenza

pubblicato il: 18.2.2021

In Svizzera il periodo di Corona ha dimostrato in modo particolare che il tema dell'inclusione digitale si fa sempre più urgente. In un articolo  per il centro di competenza "überaus" del BIBB (Istituto federale per l'istruzione e la formazione professionale) si esamina attentamente l'ineguaglianza digitale in Germania. L'articolo si basa sull'attuale indice digitale dell'iniziativa D21 per la Germania. La tesi afferma che il medium Internet aumenta la partecipazione sociale delle persone già benestanti, mentre le persone con risorse minori dal punto di vista formativo, economico e sociale sono escluse da potenziali informazioni e partecipazioni così come dalle opportunità digitali.

Vai all‘articolo (in tedesco)

Belgio: apprendimento e divertimento

pubblicato il: 16.2.2021

L'ultima edizione del periodico Journal de l'alpha è dedicato al piacere, non inteso come quello che viviamo nell'ora di pausa o quando abbiamo finito un'attività, ma come il piacere intrinsecamente legato all'apprendimento, quella sensazione che emerge spontaneamente  con l'acquisizione della conoscenza. È un fenomeno complesso e spesso paradossale perché ogni apprendimento è accompagnato da conflittualità e trasformazioni identitarie. È comunque garante di crescita della capacità di agire. Tre articoli sono disponibili online.

Journal de l’alpha 219: Apprentissage et plaisir (in francese)

La SEFRI pubblica le cifre riguardanti l'uso delle TIC sul posto di lavoro

pubblicato il: 15.2.2021

Alla fine del 2020 la SEFRI (Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l'innovazione) ha pubblicato uno studio relativo all'uso delle TIC sul posto di lavoro. La Svizzera fa parte dei paesi in cui la rivoluzione digitale è più avanzata.  Si classifica al 5° posto per quanto riguarda l'uso di computer sul lavoro e al 6° posto per l'uso di attrezzature e macchine computerizzate, evidenziando in tal modo l'importanza delle competenze digitali di base per il mondo del lavoro.  Il 42% della forza lavoro svizzera conferma la necessità di imparare a usare nuovi software o attrezzature digitali.

Vai allo studio Utilizzo di Tic al lavoro