News

Orientamento professionale, universitario e di carriera: rafforzamento del suo ruolo nell’ambito dell’apprendimento permanente

pubblicato il: 30.10.2019

La Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione (SEFRI) e la Conferenza dei direttori cantonali della pubblica educazione (CDPE) hanno pubblicato il rapporto "Besoins des services cantonaux d’orientation professionnelle, universitaire et de carrière (OPUC) en matière de développement et de coordination" (esigenze in materia di sviluppo e coordinamente dei servizi cantonali di orientamento professionale, universitario e di carriera, OPUC) (francese/tedesco) ( informazioni in italiano). Il rapporto esamina le possibilità di ottimizzazione dei servizi di orientamento professionale, universitario e di carriera esistenti per soddisfare la strategia "Formazione professionale 2030 - Visione e linee guida strategiche" del 2018. Le richieste principali concernono, tra l'altro, l'aumento della consapevolezza e dell'efficacia dell'orientamento professionale, universitario e di carriera e il sostegno agli adulti per il conseguimento di una qualifica professionale, il reinserimento nel mercato del lavoro o il riorientamento professionale. Il rapporto pubblicato di recente dimostra che i servizi offerti sono ancora troppo orientati ai giovani e che finora la richiesta da parte degli adulti è stata troppo scarsa; sebbene i servizi di orientamento professionale siano noti a un terzo della popolazione, solo una persona su venti si è già avvalsa di tali servizi. È quindi importante aumentare la visibilità dei centri di orientamento anche per gli adulti e focalizzarli sull'apprendimento permanente. Ciò è di particolare importanza per il gruppo destinatario di persone poco qualificate e con difficoltà nell'ambito delle competenze di base, che dipendono sempre più da una consulenza e un accompagnamento qualificati.

Vai al comunicato stampa
Maggiori informazioni sul messaggio ERI 2021-2024 (in francese)

Adulti in difficoltà con le competenze di base si impegnano nella sensibilizzazione

pubblicato il: 15.10.2019

In tutta la Svizzera sono quasi 50 gli ambasciatori attualmente impegnati sul tema delle competenze di base. In Svizzera romanda si registrano sino ad oggi oltre 80 apparizioni nei media, nelle scuole e su podi specialistici in cui ambasciatori hanno raccontato le loro esperienze. Nella Svizzera tedesca si sono attivati due gruppi di ambasciatori; uno nel canton Basilea e l’altro nel canton Berna. Un progetto simile è in corso da settembre anche in Ticino. Gli ambasciatori sono coloro che frequentano o hanno frequentato corsi di lettura e scrittura. Parlando apertamente delle proprie esperienze, sensibilizzano l'opinione pubblica sulla tematica e nel contempo incoraggiano gli adulti con difficoltà nelle competenze di base, attraverso un approccio tra pari, a iscriversi a un corso di recupero. Gli ambasciatori svolgono anche compiti di editing, valutando l'idoneità dei testi per le persone in difficoltà con la lingua scritta.

La Federazione svizzera Leggere e Scrivere e l'Associazione delle Università Popolari Svizzere sostengono la formazione di ulteriori gruppi di ambasciatori in tutta la Svizzera e li accompagnano nel loro percorso. Questo importante lavoro di sensibilizzazione è sostenuto dalla Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l'innovazione (SEFRI) e dai Cantoni partecipanti.

L’aggiudicazione degli appalti pubblici: deroga per l'inserimento professionale

pubblicato il: 1.10.2019

Nella revisione della legge federale sugli acquisti pubblici (LAPub), dopo lunghe trattative in seno al Parlamento nazionale è stata garantita una deroga per l'inserimento professionale. Anche in futuro, pertanto, l'aggiudicazione di appalti alle organizzazioni di integrazione professionale e ad altre organizzazioni senza scopo di lucro non sarà soggetta alla legge federale sugli acquisti pubblici. Grazie a questa risoluzione parlamentare, i Cantoni conservano il loro margine di manovra e possono continuare ad organizzare autonomamente le procedure di acquisto esistenti in questo campo. Ciò consente alle organizzazioni attive nel settore dell'inserimento professionale di continuare a utilizzare al meglio le proprie risorse e riduce al minimo il rischio di dumping salariale e di condizioni di lavoro precarie. Un'ampia alleanza di attori interessati si è impegnata a favore della deroga.

Messaggio ERI 2021-2024: Le prime decisoni lasciano ben sperare

pubblicato il: 1.10.2019

Come risulta dal secondo vertice del BFI del 4 settembre 2019, al quale il consigliere federale Guy Parmelin ha invitato i maggiori partner del settore, il campo della formazione sarà ulteriormente rafforzato nel periodo di sussidio 2021 – 2024. Nei lavori preparatori in corso per il relativo messaggio finanziario, si prevede attualmente un incremento annuo compreso tra il 2,1 e il 2,5 per cento. È da considerare particolarmente positivo il fatto che l'incremento dei finanziamenti sia destinato, tra l'altro, ad una maggiore promozione delle competenze di base degli adulti e alla promozione di progetti per l'attuazione del programma "Formazione professionale 2030". Il disegno di legge presentato prevede attualmente circa 44 milioni di franchi per i Cantoni, che a partire dal 2021 potranno in questo modo dare un sostegno supplementare per la promozione delle competenze di base. Il Consiglio federale presenterà al Parlamento una proposta con l’importo definitivo del finanziamento e la ripartizione dei fondi nel primo trimestre 2020, in concomitanza con l’approvazione del messaggio ERI.

Digitalizzazione e matematica del quotidiano

pubblicato il: 30.9.2019

La conferenza Adults Learning Mathematics Conference di quest'anno a Lund (Svezia) si è occupata dell'incidenza dei media digitali sull'educazione degli adulti nel campo della matematica di tutti i giorni. L'attenzione si è concentrata sui contributi dedicati all'apprendimento basato sulla tecnologia, compreso l'apprendimento mobile, l'e-learning e l'insegnamento con i media digitali. Il materiale usato durante il seminario, le presentazioni e i contributi relativi ai workshop sono stati pubblicati sul sito web dell'evento.

Rapporto sulla Giornata mondiale dell'alfabetizzazione

pubblicato il: 24.9.2019

Domenica 8 settembre 2019 si è tenuta la Giornata mondiale dell'alfabetizzazione per richiamare l'attenzione sulle difficoltà quotidiane di coloro che non dispongono di sufficienti competenze di lettura e scrittura. Diversi media hanno riferito in merito alle ambasciatrici e agli ambasciatori, nonchè alle offerte formative nel campo delle competenze di base. Di seguito vi proponiamo una selezione di articoli:

 

Lotta all’analfabetismo al via, RSI News, 8 settembre 2019

La formazione e lo studio contro l'analfabetismo, La Regione, 8 settembre 2019

Un esercito di ticinesi senza licenza media, Tio, 18 settembre 2019