News

PROGETTO «TRIAGE - SVILUPPO DI STRUMENTI DI VALUTAZIONE PER LE COMPETENZE DI BASE»: È DISPONIBILE IL RAPPORTO SULLA FASE I.

pubblicato il: 5.7.2022

La Conferenza intercantonale per la formazione continua CIFC ha lanciato nel 2021 un progetto nazionale con l'obiettivo di sviluppare strumenti di valutazione nell'ambito delle competenze di base. Nel quadro del progetto TRIAGE si intende sostenere gli addetti alla consulenza, i prestatori di formazione continua e i diretti interessati sviluppando e selezionando, in collaborazione con i partner, una serie di strumenti testati per la valutazione delle competenze di base e delle competenze chiave a livello nazionale.

Nel mese di maggio si è conclusa con successo la prima fase del progetto TRIAGE, che aveva lo scopo di analizzare la situazione di partenza, di individuare gli strumenti disponibili in Svizzera e all'estero e di sondare le esigenze nei diversi setting (centri di consulenza come gli uffici regionali di collocamento URC, i servizi sociali o dell'orientamento professionale). Nel rapporto finale di Interface, ora disponibile, vengono individuate le lacune esistenti e formulate delle raccomandazioni per il modo di procedere in futuro. Stando a quanto emerso, in tutti i setting mancano strumenti adeguati per valutare la situazione in materia di alfabetizzazione, competenze digitali e matematica quotidiana.

Nell'autunno del 2022 inizierà la seconda fase del progetto, in cui gli strumenti esistenti saranno riesaminati per verificarne l'idoneità e le carenze individuate nel rapporto saranno colmate attraverso adattamenti e lo sviluppo di ulteriori strumenti.

Rapporto finale sul progetto TRIAGE Fase I (in tedesco)
Sintesi del rapporto (in francese)

Le scarse competenze di lettura ostacolano enormemente l'accesso alle prestazioni sociali

pubblicato il: 28.6.2022

Le informazioni fornite dalle autorità pubbliche sono spesso scritte in un linguaggio complesso, con parole e frasi complicate. Per le persone che incontrano difficoltà a leggere e scrivere, questo rappresenta un ostacolo enorme e preclude loro la possibilità di richiedere le prestazioni statali. Lo dimostra uno studio della REISO (Revue d'information sociale). Secondo questa ricerca,  il 32,1% dei principali beneficiari di prestazioni istituzionali (passaporto svizzero, permesso B e C) non richiede alcun reddito aggiuntivo. Il motivo principale è che molti non sanno di averne diritto perché sono sopraffatti dalla quantità e dalla complessità delle informazioni. Anche la vergogna gioca un ruolo importante, soprattutto quando si tratta di richiedere prestazioni istituzionali.

Ulteriori informazioni sullo studio (in francese)

Canton Lucerna: quasi 800 adulti hanno utilizzato i buoni di formazione del programma cantonale

pubblicato il: 28.6.2022

Nel settembre 2020, il Canton Lucerna ha introdotto dei buoni di formazione per promuovere le competenze di base degli adulti. Ora il programma è stato valutato. Nel 2021, un totale di 754 persone ha beneficiato dell'offerta. Più della metà dei partecipanti (427) ha utilizzato i buoni per offerte nel campo delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione. Al secondo posto si trovano la lettura e la scrittura (164 persone), seguite dalla conversazione (68 persone) e dalla matematica del quotidiano (21 persone).

La valutazione evidenzia inoltre che l'offerta di promozione delle competenze di base è apprezzata. Il numero di ritiri e riscatti di buoni è aumentato costantemente nel 2021. I corsi di lettura, scrittura e conversazione sono stati frequentati principalmente da disoccupati. Gli operatori sono complessivamente molto soddisfatti del sistema dei buoni. La domanda è aumentata per tutti e dieci gli operatori intervistati.

Maggiori informazioni (in tedesco)

Rapporto di valutazione 2021 (in tedesco)

Canton Berna: un nuovo studio dimostra l'interazione tra orientamento e utilizzo dell'offerta formativa

pubblicato il: 28.6.2022

Un nuovo studio del Cantone di Berna ha indagato su come i centri di consulenza possano aiutare gli adulti con lacune nelle competenze di base. Esso esamina inoltre come ottimizzare l'interazione tra i centri di consulenza e come migliorare l'interazione tra i centri di consulenza e gli operatori dei corsi.  Lo studio è stato redatto dalla società Ecoplan per conto dell'Ufficio per l'istruzione secondaria e la formazione professionale del Canton Berna. Dallo studio emerge che, sebbene esista un'ampia gamma di offerte formative rivolte agli adulti con scarse competenze di base, esse non sono ancora utilizzate nella misura desiderata. Secondo lo studio, una chiave essenziale per migliorare l'accesso è la consulenza alle persone interessate. Il team di autori trae dai risultati dello studio sei raccomandazioni concrete, che dovrebbero essere rilevanti anche per altri programmi cantonali.

«Consulenza e accompagnamento per adulti con competenze di base insufficienti» (rapporto in francese)

Caritas: Sostegno nella partecipazione digitale

pubblicato il: 28.6.2022

La digitalizzazione caratterizza la nostra vita quotidiana, professionale e privata. Le competenze digitali sono quindi oggi praticamente indispensabili. Anche se lo sviluppo digitale accelera e semplifica molte operazioni, ci sono persone che non hanno le competenze necessarie per trarne vantaggio. Per sostenerli la Caritas offre, a persone colpite dalla povertà o a rischio di povertà, consulenza e assistenza su questioni relative a smartphone, computer o tablet.

Le organizzazioni Caritas regionali gestiscono i cosiddetti «punti di incontro» e offrono alle persone un accesso a bassa soglia al mondo digitale.

Maggiori informazioni (in francese)

Ulteriore calo della partecipazione alla formazione continua nel 2021

pubblicato il: 5.5.2022

L’ufficio federale di statistica (UFS) ha pubblicato in aprile i risultati della rilevazione sulle forze di lavoro in Svizzera (RIFOS). Essi mostrano un ulteriore netto calo delle attività di formazione continua nella popolazione. La quota di partecipazione, che negli anni precedenti la pandemia era di circa il 26%, è calata al 21% nel 2020, primo anno di pandemia, e al 17% nel 2021.

Maggiori informazioni